Cos’è e come funziona la dieta FODMAP

nessun commento

Se sei sempre sempre gonfia, leggi un po’ qui.

Care amiche dalla pancia sempre gonfia, se rientrate in quella categoria di persone che non devono perdere peso ma semplicemente eliminare la sensazione cronica di mongolfiera nell’addome, siete nel posto giusto.

Anche perché siamo sulla stessa barca, anzi, mongolfiera.

Ebbene, oggi condivido con voi la dieta FODMAP. Partiamo da un fatto: io le diete le odio e questa non è una vera dieta, anzi. Si basa semplicemente sulla riduzione di una categoria di alimenti, i FODMAP appunto, che in pancia fermentano causando tutti quei sintomi fastidiosissimi.

Iniziamo con il dire che FODMAP significa “Fermentanti Oligo – Di – Monosaccaridi e Polioli”: nella sostanza, carboidrati a catena corta che faticano ad essere digeriti o assorbiti nel modo migliore, che non vengono metabolizzati dai batteri intestinali e dunque fermentano e producono gas in eccesso. Soprattutto per chi soffre di Sindrome dell’intestino irritabile, potrebbero essere un po’ un problema.

Ecco dunque spiegato il perché una dieta sana e variegata ma a basso contenuto di cibi FODMAP ci aiuta a sgonfiarci davvero. Tendenzialmente il protocollo medico che seguono le persone con Sindrome di Colon e Intestino irritabile dura 6/8 settimane: all’inizio si eliminano tutti i FODMAP, poi vengono gradualmente reintrodotti. Questo in sostanza aiuta a capire quali sono gli alimenti che il nostro intestino tollera bene.

Quindi, dopo 6 settimane di eliminazione totale, le ultime 2 dovresti spenderle a reintrodurre un FODMAP alla volta in piccole quantità, per identificare i “cibi fastidiosi” per te. E mentre la segui, alcol con moderazione.

All’inizio credevo che nei FODMAP rientrassero solo crucifere (tipo i cavolfiori) o legumi, invece ho scoperto che ce ne sono molti di più. Qui trovi lo schema che sto seguendo io e con cui mi trovo molto bene, di SosCuisine. Puoi scaricarle in PDF e stamparle.

Alimenti FODMAP da evitare, PDF

Alimenti permessi, PDF

Quindi, dopo queste settimane di test, dovremmo non solo essere riuscite a sgonfiarci parecchio, ma a capire finalmente quali sono gli alimenti che ci danno davvero fastidio.

In ogni caso, è utile ricordarsi che FODMAP non significa demonio sceso sulla terra, anzi, alcuni alimenti come gli asparagi fanno bene davvero. Basta saper riconoscere come e quando introdurli e come il nostro organismo reagisce quando li consumiamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...